sistema museo
megafono
immagine
ANTOLOGICA DI GUIDO STRAZZA
dal 08/02/2009 al 28/03/2009
ANTOLOGICA DI GUIDO STRAZZA
Museo Pericle Fazzini - Assisi (PG)
8 febbraio ? 29 marzo 2009
Inaugurazione: 8 febbraio, ore 11

La didattica del segno, ovvero l?elaborazione di ogni immagine possibile, il pensiero dialogato su ciò che possiamo vedere e far vedere. Inaugura domenica 8 febbraio 2009 alle ore 11 presso il Museo Pericle Fazzini di Assisi la mostra antologica di Guido Strazza, visitabile fino al 29 marzo.
La mostra, a cura di Giuseppe Appella, accoglie 55 opere (dipinti, disegni e sculture) datate 1952-2008, provenienti dallo studio dell?artista e dal MUSMA. Museo della Scultura Contemporanea. Matera, in anticipo sulla personale che verrà ospitata in marzo al Grand Palais di Parigi, nell?ambito di ?ArtParis 2009?.

Una delle annotazioni che si possono fare alle ricerche di questi ultimi anni è che il segno, spesso,  soccombe  al colore. Lo spazio ha perduto ogni mistero, è stato riempito di colore, e il risultato è un non vedere. Ma per Strazza anche il colore è segno, ?radicalmente indefinibile e indescrivibile. Senza direzione, curvatura o lunghezza, non ha in sé traccia del gesto né di ciò che fa del segno il costruttore dello spazio. Tuttavia, lo riempie di sentimento. Col colore si costruisce uno spazio psicologico?.

Traspare, da questi concetti, la capacità di risolvere nella ricerca, dai ?Cosmati? ai ?Segni di Roma?, la contraddizione sostanziale tra materia e forma, tra precisione e imprecisione, tra progetto e realizzazione. In  questo contesto si situa l?interesse, tra il 1964 e il 1969, per la scultura in ferro o in plastica, severa e semplice, attenta alla crisi ormai avvenuta nella situazione artistica italiana, lontana dalle fonti culturali più facilmente indicabili (Gonzales, David Smith, Colla) e perfettamente inserita nel lavoro sperimentale sul segno portato avanti alla Calcografia Nazionale tra il 1964 e il 1966, attraverso immagini stampate su carta, doppiate e trasferite su schemi mobili trasparenti di materia plastica. ?Facendo ?sculture?, non ho fatto altro che far segni come in realtà faccio e ho sempre fatto; e posso dirlo se penso al segnare come risposta al richiamo di un fulmineo riconoscere qualcosa che nessuno prima aveva visto, non c?era, e d?improvviso c?è, si fa presenza assoluta e luminosa?.
Il ricercare di Strazza, il suo vedere sono, in fondo, ansia di penetrare nella realtà attraverso uno stato di vitalità, di innocenza che assicuri un minimo di spazio per l?immaginazione.

Le opere scelte sono raccolte anche teoricamente in volumi quali Il gesto e il segno stampato da Scheiwiller nel 1979, Il segno e il colore negli occhi, un testo del 1974 pubblicato da Alibrandi nel 1993, e Vedere, uscito con Masoero nel 1994: due libri di segni e brevi storie che, dopo gli Appunti di lavoro del 2005, sembra abbiano accentuato le necessità espressive di Strazza.

Orari di apertura: 10-13 - 16-19, tutti i giorni tranne il lunedì.
L?ingresso, comprensivo della visita al Museo, è di euro 5.00, ridotto euro 3.00, per le scuole euro 2.50.

La mostra è accompagnata da un catalogo, pubblicato da De Luca Editori d?Arte nella Collana del Museo ?Laboratorio?, con un saggio del curatore, un testo di Strazza sull?incontro con Fazzini ai tempi dell?Accademia di Belle Arti a Roma, le notizie biobibliografiche e le immagini a colori di tutte le opere esposte.


Per Informazioni:
Museo Pericle Fazzini di Assisi
Tel/fax: 075 8044586
info@periclefazzini.it
www.museo.periclefazzini.it 
cerca mostre
città
categoria
[X]
data
parola chiave
avvia ricerca
cerca
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
Pinacoteca Comunale
approfondimenti
GROTTAGLIE visita speciale per ipovedenti
"Un museo a misura di bambino" NARNI Palazzo Eroli
video
GERMANICO RACCONTA /Amelia (Tr)
VIDEO Benozzo Gozzoli e Montefalco
GERMANICO RACCONTA /Amelia (Tr)