sistema museo
megafono
immagine
La porta d'Oriente si apre alla ceramica di Grottaglie
Otranto (LE), Castello Aragonese
fino al 30 settembre 2012
La porta d'Oriente si apre alla ceramica di Grottaglie
Categoria: Arte contemporanea
L’installazione è inserita all’interno della rassegna Summer Pop Otranto 2012, evento collaterale alla mostra di Andy Warhol, curato da Raffaela Zizzari

Ceramica pop è il titolo scelto per questo breve ma significativo percorso espositivo attraverso la ceramica popolare prodotta a Grottaglie (Ta) tra Ottocento e Novecento. I colori brillanti ed i freschi motivi decorativi dei manufatti in mostra sembrano infatti accomunare in qualche modo questa produzione artigianale dell’Italia Meridionale con la più nota corrente artistica della Pop Art sviluppatasi nella seconda metà del XX secolo.
La copiosa produzione di ceramica popolare sfornata in “quantità industriale” nel corso dei secoli dai camini di Grottaglie viene raccontata attraverso tre diverse sezioni: quella della robba gialla, verde e bianca. Una installazione di cento piatti reali chiude il percorso espositivo, a memoria delle sterminate distese di manufatti che i ceramisti collocavano negli spiazzi antistanti le botteghe per accelerarne l’essiccazione.
L’antica attività delle botteghe dei figuli di Grottaglie, collocate a semicerchio ai piedi del trecentesco Castello Episcopio nel suggestivo Quartiere delle Ceramiche, emerge chiaramente in documenti d’archivio risalenti al 1463. Nel Libro della Regia Dogana di Taranto sono registrate infatti le “stoviglie” prodotte nella vicina Grottaglie che commercializzate nel porto tarantino erano sottoposte a tassazione in uscita. Il primo censimento ufficiale dei ceramisti di Grottaglie viene riportato in un Catasto del 1567 dal quale emerge l’attività di numerosi “cretari” e “stazzonari” (fabbricanti di stoviglie). La produzione ceramica nella cittadina jonica non sembra arrestarsi nel corso dei secoli e continua ad incrementare il numero di occupati nel settore tanto che tra la fine del Settecento e gli inizi dell’Ottocento, risultano operanti quarantadue botteghe artigianali con relazioni commerciali estese fino ai paesi dell’Asia Minore, della Grecia, della Turchia e dell’Albania. Per secoli la ceramica d’uso prodotta in modo massiccio e destinata a soddisfare la continua richiesta del mercato, veniva accatastata in attesa di essere venduta sui tetti delle botteghe, rendendo uniche e brillanti le terrazze dell’intero Quartiere delle Ceramiche di Grottaglie.

Info e prenotazioni:
Call Center Sistema Museo
199.151.123
callcenter@sistemamuseo.it
www.warholotranto.it
Autore: Sistema Museo
Data di pubblicazione: 19 dicembre 2012
servizi educativi in città
icona
IL GUARDIANO DEL MARE
OESEM - Museo su Ecologia degli Ecosistemi Mediterranei Otranto, Otranto
icona
RACCONTI DI MARE - Il ciclo dell'acqua
OESEM - Museo su Ecologia degli Ecosistemi Mediterranei Otranto, Otranto
icona
VISITA GUIDATA
OESEM - Museo su Ecologia degli Ecosistemi Mediterranei Otranto, Otranto
icona
UN GIORNO CON NOI! Otranto e i suoi tesori
OESEM - Museo su Ecologia degli Ecosistemi Mediterranei Otranto + centro storico, Otranto
cerca mostre
città
categoria
[X]
data
parola chiave
avvia ricerca
cerca
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
GALATA MUSEO DEL MARE - Bookshop Bussola delle Idee
approfondimenti
GROTTAGLIE visita speciale per ipovedenti
"Un museo a misura di bambino" NARNI Palazzo Eroli
video
GERMANICO RACCONTA /Amelia (Tr)
VIDEO Benozzo Gozzoli e Montefalco
GERMANICO RACCONTA /Amelia (Tr)