sistema museo
megafono
immagine
IVAN THEIMER Suggestioni d'antico
Volterra (PI), Museo Archeologico
8 luglio - 30 settembre 2012
IVAN THEIMER Suggestioni d'antico
Categoria: Archeologia, Arte contemporanea
Continua lo straordinario connubio tra scultura contemporanea e archeologia al Museo archeologico di Sarteano dopo la riuscitissima sperimentazione dello scorso anno con le opere del maestro Mitoraj: questa estate infatti le sale di Palazzo Gabrielli ospitano le sculture di IvanTheimer.

Artista colto e poliedrico, di origine slava centro-europea, parigino di adozione, con una base a Monteggiori, vicino alle fonderie di Pietrasanta, formatosi nei numerosissimi viaggi in Europa e in Oriente, tra India, Tibet e paesi mediterranei, Theimer si esprime con la stessa geniale naturalezza di reminiscenza dell'arte antica sia nella scultura che nella pittura e nell'incisione. Un'arte contemporanea figurativa che, anche se lontana dai messaggi talvolta oscuri del concettualismo, libera la sua espressività nell'elaborazione di temi ricorrenti, ma sempre variati, che sono comunque essi stessi simbolici e concettuali, rielaborati come appaiono da mondi lontani nel tempo e nello spazio. E così ad esempio la dominanza della tartaruga, spesso base di appoggio di obelischi, soggetto molto presente dall'arte classica a quella rinascimentale, ma che Theimer assimila dai templi buddisti e – come lui stesso racconta - dall'incontro folgorante con il Nano Morgante del giardino di Boboli. La tartaruga come segno del trascorrere del tempo, di longevità, ma anche di forza nella sua corazza indistruttibile, contrapposta alla mollezza del corpo: corpo piatto come la terra, sormontata dalla cupola del cielo rappresentata dalla corazza.

E l'uso frequentissimo di obelischi e alte stele, decorati con metope, dove talvolta si esprime in una tecnica particolare, anch'essa ripresa dal mondo classico, quella del bronzo dipinto. Oppure le Meduse o Gorgoni, al tempo stesso bellissime e terrificanti, simbolo per eccellenza dell'arte greca e magno greca – basti pensare alla notissima metopadi VI sec. a. C. del tempio di Siracusa -, ma nell'opera di Theimer più caravaggesche che classiche, ma ugualmente attrattive e repulsive con il loro sguardo che rende di pietra. E così gli eroi quali Ercole ed Arione nel suo mito di incontro con il delfino, tutti temi profondamente classici, come quello molto presente di Dioniso, ma rielaborati da Theimer che li rende parte del suo mondo creativo e pertanto unici. E su questi temi le dimensioni delle opere sono le più variabili ed infatti questa è un'altra delle peculiarità di questo grande artista: quella di realizzare opere di dimensioni colossali, per grandi spazi pubblici, come la colonna di Place de la Victoire a Bordeaux o il Monumento alla Dichiarazione dei Diritti dell'Uomo e del Cittadino a Parigi con un senso unico dello spazio architettonico e con la stessa semplicità dei piccoli bronzetti e argenti.

Ed un incontro tra un artista così poliedrico e le opere di un Museo Archeologico non deve destare stupore: basta osservare all'interno della sala dedicata alla ricostruzione della Tomba della Quadriga Infernale il fantastico dipinto – non per caso l'unico in mostra – “Saint Hubert” con la raffigurazione della sua stele dipinta per comprendere il legame tra la sensibilità dell'artista e l'archeologia. E se non basta questo, è sufficiente perdersi nella suggestione e nell'incantesimo delle sue stele vegetali.

Info e prenotazioni:
Museo Civico Archeologico di Sarteano
via Roma n. 24-53047 Sarteano (SI)
aperto dal martedì alla domenica 10.30-12.30/ 16.00-19.00
tel. 0578/269261
museo@comune.sarteano.si.it
info.museo@comune.sarteano.si.it
Autore: Sistema Museo
Data di pubblicazione: 19 dicembre 2012
cerca mostre
città
categoria
[X]
data
parola chiave
avvia ricerca
cerca
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
amelia, museo archeologico, pinacoteca, germanico, umbria, terni, Nerone Claudio Druso, sistema museo
approfondimenti
GROTTAGLIE visita speciale per ipovedenti
"Un museo a misura di bambino" NARNI Palazzo Eroli
video
GERMANICO RACCONTA /Amelia (Tr)
VIDEO Benozzo Gozzoli e Montefalco
GERMANICO RACCONTA /Amelia (Tr)