sistema museo
megafono
immagine
TAVOLE BAROCCHE
Gioia del Colle (BA), Castello Svevo
11 aprile - 28 giugno 2015
TAVOLE BAROCCHE
Banchetti, feste e nature morte tra XVII e XVIII secolo dalla Collezione Corsi di Firenze
Inaugurazione: sabato 11 aprile 2015, ore 17
A cura di: Francesco Di Ciaula
Categoria: Arte
Promossa da: Regione Puglia, Comune di Gioia del Colle. La mostra è finanziata con fondi europei nell’ambito del progetto “SAC Sistemi Ambientali e Culturali”.
Orari di apertura:
tutti i giorni 8.30 - 19.30
Sabato 16 maggio, per la Notte dei Musei, apertura notturna e visite guidate gratuite alle ore 20 e 22. Per prenotazioni: tel. 080 3481305
Nell’anno dell’Expo di Milano, dedicato alle tematiche dell’alimentazione, le suggestive sale del Castello Svevo di Gioia del Colle (Ba) ospitano dall’11 aprile al 28 giugno 2015 la mostra “Tavole Barocche”, promossa dalla Regione Puglia e dal Comune di Gioia del Colle.

La mostra, a cura di Francesco Di Ciaula ed organizzata dalla società Sistema Museo, espone dipinti raffiguranti nature morte, paesaggi e scene conviviali tra XVII e XVIII secolo, provenienti dalla Collezione Corsi di Firenze conservata presso il Museo Bardini, una delle istituzioni museali più importanti del capoluogo toscano.
L’esposizione è allestita nel Castello di Gioia del Colle, tra i più affascinanti manieri realizzati dalle maestranze dell’Imperatore Federico II Hohenstaufen, il Sovrano tedesco che fece della Puglia del XIII secolo la sua terra d’elezione.
Tra la magnifica Sala del Trono, così nominata per la presenza dell’imponente seggio reale, la Sala del Camino, la Torre de’ Rossi e il Gineceo, si sviluppa armoniosamente la mostra, ricca di opere importanti per la storia dell’arte del Seicento e del Settecento italiano e fiammingo, come quelle del Gobbo dei Carracci, lo Spadino, Giovan Battista Ruoppolo, Jacopo da Empoli, Gian Domenico Ferretti, della bottega dell’Arcimboldo e del seguito di Pieter Brueghel il Giovane.

Due le sezioni di mostra, incentrate sulla cultura del cibo e della tavola: la prima espone la rappresentazione degli alimenti nel genere della natura morta, che si impone in maniera decisiva nel Seicento. I dipinti sono dominati dalla variegata presenza di carni, selvaggina, pesci, frutti e ortaggi realizzati da artisti soprattutto di ambito toscano e romano-napoletano. La seconda sezione, arricchita dalle opere di autori fiamminghi, presenta i piaceri conviviali: prevalgono scene di banchetto e di festa, riscontrabili sia nei rituali opulenti e fastosi delle classi aristocratiche sia nelle immagini di contesti umili e popolari, nei quali l’alimentazione più che piacere della tavola diviene ricerca di appagamento della fame.


Info e prenotazioni:
Sistema Museo 199 151 123 (dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 15.00 escluso i festivi) - callcenter@sistemamuseo.it
Autore: Sistema Museo
Data di pubblicazione: 09 aprile 2015
 
Ingresso Castello: intero 2,50 euro / ridotto 1,25 euro ai cittadini dell’Unione Europea da 18a 25 anni / omaggio sotto i 18 anni. Ulteriori riduzioni ed esoneri come da normativa statale.

servizi educativi in città
icona
PEUCETIA - IN CONTATTO CON L'ARCHEOLOGIA
Castello Svevo, Gioia del Colle
icona
ALLA CORTE DI FEDERICO II - LA VITA E L'AMORE AL TEMPO DEI CASTELLI
Castello Svevo + centro storico, Gioia del Colle
icona
ARCHEOLOGIA IN CAMMINO - Dal museo al parco archeologico
Parco Archeologico di Monte Sannace, Gioia del Colle
cerca mostre
città
categoria
[X]
data
parola chiave
avvia ricerca
cerca
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
Area Archeologica di Via dell’Abbondanza
approfondimenti
GROTTAGLIE visita speciale per ipovedenti
"Un museo a misura di bambino" NARNI Palazzo Eroli
video
GERMANICO RACCONTA /Amelia (Tr)
VIDEO Benozzo Gozzoli e Montefalco
GERMANICO RACCONTA /Amelia (Tr)