sistema museo
megafono
immagine
Comunicare fa bene, anzi benissimo!
Genova (GE), Loggia della Mercanzia
07 marzo - 31 maggio 2015
Comunicare fa bene, anzi benissimo!
Percorsi di lettura e manifesti del ventesimo secolo
Categoria: Arte contemporanea
Promossa da: Comune di Genova, Settore Musei
Centro di Documentazione per la Storia, l´Arte, l´Immagine di Genova
Con la collaborazione di: Archivio storico della pubblicità | Genova
con il patrocinio e la partecipazione fnanziaria di Municipio I Centro Est
con il contributo di Coop Liguria
Orari di apertura:
feriali: h 10.00-18.45 | festivi: chiuso
Una selezione di grandi manifesti, autentiche opere d'arte dei maggiori cartellonisti italiani del '900, presentati e commentati da Ruggero Pierantoni attraverso una serie di letture inedite e multimediali. E' questa la formula
innovativa di "Comunicare fa bene, anzi benissimo!”, la mostra realizzata dall'Archivio Storico della Pubblicità.
Com'è noto, il manifesto di affissione diventa il primo e il più efficace strumento di comunicazione di massa a partire dalla fine dell'Ottocento, quando lo sviluppo della tecnica di stampa litografica a colori permette alte tirature e la più larga diffusione sui muri delle città trasformandolo così in uno strumento indispensabile alla crescente produzione industriale dell'epoca e ai nuovi stili di vita della società.

"Comunicare fa bene, anzi benissimo.!” presenta una selezione di manifesti pubblicati tra la fine dell'Ottocento e gli anni Cinquanta del Novecento e li accompagna con le letture di Ruggero Pierantoni, biofisico di formazione, studioso della percezione acustica e visiva, che parte dal manifesto esposto per approfondire sulla molteplicità di segni e messaggi racchiusi in queste immagini d'epoca.

Il testo delle sue letture esemplari è poi integrato da contributi multimediali, che i visitatori potranno visionare
attraverso i QR code stampati sui pannelli utilizzando smartphone e tablet o nella videoproiezione completa presente in mostra: documentari di CinecittàLuce, trasmissioni RAI, ecc. ma anche scene e trailer di film, in modo da poter ulteriormente contestualizzare l'opera esposta e il commento che l'affianca e ne approfondisce i significati.

Ad esempio i manifesti di fine Ottocento riguardanti il viaggio verso le Americhe si intrecciano con lo spunto
attualissimo della lettera scritta a Buenos Aires da un emigrante ai propri figli, il racconto del viaggio “... sine aire para respirar”. Il manifesto di Luigi Caldanzano “Lenti radioattive” (1917) fa scattare riferimenti a Madame Curie, Rosalind Franklin, ma anche a Puccini. E in modo analogo si passa attraverso il bozzetto del Rex (1932) al filmato coevo dell'Istituto Luce, ma anche alla scena del film “Amarcord” di Fellini, il bozzetto del manifesto “Esposizione internazionale E42” di Roma, con l'arco di Adalberto Libera, ci parla di Gaudì e dell'arco di Saint Louis progettato da Saarinen, mentre in un'intervista video Federico Fellini racconta la storia dell'EUR.

Il percorso espositivo si snoda attraverso microsezioni tematiche, partendo dai manifesti per i giornali quotidiani di fine Ottocento (Caffaro, La Sera, ecc. ) per passare poi ai viaggi in nave d'inizio '900 e anni '30, ai nuovi mezzi di comunicazione, come la radio e il telefono, alle esposizioni internazionali (Paris 1937, Roma E42), al cinema (i manifesti dei film anni '20 a otto fogli e il primo “Frankenstein” del 1931, con proiezione di trailer dei film sonori), alla pubblicità di prodotti legati alla salute, all'industria (Gio. Fossati e Ansaldo), terminando con un'installazione di scatole di latta che ci parla dell'indotto industriale a Genova Sampierdarena nel '900.

Una sezione fotografica presenta inoltre una serie di immagini inedite di Genova dagli anni Venti ai Cinquanta, scenari urbani in mutazione (piazza Portello e piazza Dante, prima e dopo la costruzione delle attuali gallerie; piazza di Francia, ora piazza della Vittoria; la barriera doganale che separava la citta dall'area portuale, ecc.) e frammenti di storia del cartellonismo, l'arte “della strada” che dagli ultimi anni dell’Ottocento aveva cominciato a coprire i muri e le palizzate della città.

Info e prenotazioni:
Archivio storico della pubblicità
coriasp@libero.it
telefono 0102758934
facebook: ArchivioStoricoPubblicita
Autore: Sistema Museo
Data di pubblicazione: 08 maggio 2015
 
euro 3,00 / 0-10 anni gratuito

cerca mostre
città
categoria
[X]
data
parola chiave
avvia ricerca
cerca
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
Abbazia di Santa Croce in Sassovivo
approfondimenti
GROTTAGLIE visita speciale per ipovedenti
"Un museo a misura di bambino" NARNI Palazzo Eroli
video
GERMANICO RACCONTA /Amelia (Tr)
VIDEO Benozzo Gozzoli e Montefalco
GERMANICO RACCONTA /Amelia (Tr)