sistema museo
megafono
immagine
Segno, colore, materia
Amelia (TR), Museo Archeologico
20 giugno - 5 luglio 2015
Segno, colore, materia
Categoria: Arte contemporanea
A confronto le opere di una quindicina di artisti, presi come testimoni di una ricerca costruita intorno alla necessità di ri-sentire la pittura in tutta la sua incisività espressiva. Si passa dalla pittura materica alle diverse declinazioni degli anni successivi fino a raggiungere la purezza del segno e del colore.

La prima sezione della mostra è ospitata nella Sala Piermatteo d'Amelia. A dialogare con il grande pittore umbro della seconda metà del Quattrocento, le opere di Massimo Melloni, un'intimità interiore accesa da sinistri bagliori, di Anna Seccia, esponente della pittura aniconica e figura chiave della "Pittura connettiva e dell'arte relazionale" e di Paolo Cannucciari, un suono corale di segni intrisi di filosofia esistenzialista.

La seconda sezione si articola nei due piani del museo: in Marco Diaco la forza del colore e della materia sempre luminosa; in Maria Ceccarelli la geometria delle forme graffiata da grovigli di colore; in Felixandro, la straordinaria modulazione monocromatica di intensa lievità. Pino Spagnuolo rivisita la pittura materica con un colore pastoso, intenso e squillante e Giovanna Gallo incide con un segno corposo il suo mondo onirico e fiabesco. Maria Felice Petyx trova meraviglie di trionfi materici nella ceramica raku e Fabio Santori riporta alla luce legni di riciclo fino a verificarne tutta l'incisività espressiva.

Di forte impatto visivo i disegni di Vincenza Costantini in mostra anche con un lavoro in cartapesta, impastato con ritagli di giornali e le opere di Susy Senzacqua pieni di poesia visiva. Poi il canto del colore nelle sue diverse modulazioni in Antonella Pernarella; la sottile poesia del segno in Beatrice Palazzetti; la pulsione organica della materia in Anna Maria Tessaro; la luminosità del segno sempre pulsante in Rosita Sfischio. Da controcanto "Vanità velata" di Maurilio Cucinotta portavoce di visioni allegoriche e surreali e "Elevazione" di Anna Salvati inconfondibile estetica post-figurativa dell'artista.

Chiude Cecilia Bossi con "Omaggio a Burri" (installazione con plastica, stoffe, tela di sacco, legno) e "Senza titolo", una tela fitta di filamenti cromatici abilitata da vigorosi colpi di pennello. Una ripresa della pittura gestuale di buona memoria.


Autore: Sistema Museo
Data di pubblicazione: 22 giugno 2015
servizi educativi in città
icona
CARTOON MAKER: LA LEGGENDA DELLA FONDAZIONE DI AMERIA
Museo Archeologico e Pinacoteca, Amelia
icona
GERMANICO A TUTTO TONDO. Visita guidata multimediale
Museo Archeologico e Pinacoteca, Amelia
icona
GLI UMBRI: IL POPOLO DEI FIUMI
Museo Archeologico e Pinacoteca, Amelia
icona
GERMANICO REWIND! Sperimentazioni tecnologiche nella storia
Museo Archeologico e Pinacoteca + Cisterna Romana + Domus di Palazzo Venturelli, Amelia
cerca mostre
città
categoria
[X]
data
parola chiave
avvia ricerca
cerca
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
deruta, museo, ceramica, umbria, arte, spezieria, tavola votiva, ex voto, piatto,
approfondimenti
GROTTAGLIE visita speciale per ipovedenti
"Un museo a misura di bambino" NARNI Palazzo Eroli
video
GERMANICO RACCONTA /Amelia (Tr)
VIDEO Benozzo Gozzoli e Montefalco
GERMANICO RACCONTA /Amelia (Tr)