sistema museo
megafono
immagine
CAMILLA ANCILOTTO Mutaforma
Spoleto (PG), Palazzo Collicola Arti Visive
24 giugno - 8 ottobre 2017 /PROROGATA fino 29 ottobre
CAMILLA ANCILOTTO Mutaforma
Inaugurazione: sabato 24 GIUGNO 2017 ore 12:00
A cura di: Gianluca Marziani
Categoria: Arte contemporanea
Orari di apertura:
La mostra di Camilla Ancilotto allestita all'interno dell'Appartamento Gentilizio - primo piano sarà visitabile dal mercoledì al lunedì 10.30-13.00/15.30-19.00.
Immaginare l’arte come un gioco d’imprevisti e rivelazioni fulminee, d’immagini che si costruiscono e mescolano, di forme mobili tra leggenda e desiderio. Definire un mondo figurativo attraverso le fondamenta classiche che sostengono il peso liquido del contemporaneo. Inventare un codice linguistico tra pittura e scultura, sul crinale che aggiunge volumetrie plastiche alle epidermidi iconografiche della memoria. G.M.
Palazzo Collicola Arti Visive presenta CAMILLA ANCILOTTO, protagonista estiva lungo la planimetria gentilizia del Piano Nobile, qui dove gli occhi dialogano con la Storia abitabile. La logica d’ingaggio segue la regola d’uso del luogo: disporsi in silenzio con le proprie opere, calando con timida ma decisa ambientazione, senza modificare gli allestimenti d’origine, al contrario inventando confini di conversazione, abbassando la temperatura del passato, elaborando il paesaggio ideale di un linguaggio al presente.
Camilla Ancilotto si esprime attraverso un codice mobile che è marchio autografo ma, soprattutto, schema linguistico. Le opere sono puzzle pittorici dalle molteplici chiavi compositive. In pratica, girando i singoli parallelepipedi (o altre forme geometriche) su un asse (il principio del pallottoliere) si completa una singola immagine o si mescolano assieme immagini diverse. Viene a crearsi un’interazione in cui il fruitore potrà cambiare l’ordine sequenziale e, soprattutto, entrare nel principio dinamico del pensiero originario, completando un’opera che richiede azioni manuali, tattilità, immaginazione attiva, orientamento della fantasia. Si recupera così una tensione “leggera” che riconduce l’arte nel cerchio del dialogo, nel motore cinetico dell’opera viva, nell’apertura ludica che amplifica il valore estetico e il suo esito concettuale. E poi si aggiunge quel tono da rebus e sciarada, definendo la natura misteriosa e alchemica dell’opera, la sua vertigine magica, il suo tenore muscolare che scatena visioni catartiche.
Dice l’artista del suo lavoro: Percezione d’ambiente, scopo dell’allestimento, equazione di modello e prodotto, esecuzione in dettaglio, montaggio in serie, titolarità di un’idea visiva che affiora pian piano con lo smalto della pittura e al tempo stesso suggerisce un’infinita varietà d’interpretazioni.
Cosa accade nel mondo della Ancilotto? Per diversi anni spiccavano figure allegoriche e mitologiche che s’ibridavano con animali di varia provenienza. Giove, Venere, Adamo, Eva, Leda, Cupido sono stati compagni d’avventura, scelti per la loro empatia con il paesaggio naturale, le radici biologiche, l’origine degli archetipi. I riferimenti d’origine andavano a Michelangelo, Pontormo o Rosso Fiorentino, tra maestri di eros cromatico, di incarnati elegantemente moderni, di armonie che superavano fiaba e leggenda nel colpo plastico del teatro figurativo. Le silhouette d’origine rinascimentale s’ibridavano, nel caso della Ancilotto, con animali dalle vite letterarie, simboliche, ancestrali. Pappagalli, giraffe, calamari, piovre, iguane: catturavano subito l’atmosfera con quei pattern esplosivi, intriganti, tattilmente vivi, presenze armoniche di un mondo mitico che seguiva il principio filosofico di Leda. L’attitudine figurativa, sia negli ibridi uomo/animale che nella
successiva statuaria classica, diventa metamorfica, avvolge la Bellezza, si avvinghia ai corpi in un abbraccio fetale. Un mondo d’energia in azione, di frangenti letterari insinuanti, di sinestesia e nuovi confini. Organico e inanimato che s’incrociano in un flessuoso rito armonico, animando l’eden di un luogo immaginario eppure immaginabile.

Tutto parte dal disegno, da una preparazione che codifica la griglia pittorica senza perdere il calore asciutto del tratto grigio. Ancilotto procede per passaggi lenti, usando il tempo come un organo di protezione progettuale, un rito d’appartenenza che cerca disciplina, ritmo progressivo, determinazione nel dettaglio. Lo stesso disegnare assume una nettezza ciclica che appartiene più alla pittura che al bozzetto, non a caso l’artista mostra gli esiti preparatori dei quadri, senza alcuna distanza gerarchica. In un certo senso disegno e pittura si mescolano per continuità linguistica, trasformandosi in elementi inclusivi, particelle aggreganti che metabolizzano il tempo e lo spazio.
Le immagini progettuali sono prelievi diretti (Bronzino, Michelangelo, Pontormo, Rubens, Bouguereau…) che giammai nascondono la provenienza storica. L’artista parte da un codice sorgente che sposta la citazione sul piano della rigenerazione (che è cosa ben diversa dal semplice copiare). Il prelievo iconografico viene suddiviso in sezioni, mescolato con altre immagini, inserito in una griglia che permette il moto dei singoli elementi: da qui la soluzione linguistica che metabolizza le citazioni dentro “abiti” e dettagli inaspettati. Anche il colore subisce un’interpretazione delle sue variabili, alzando o abbassando una gamma, creando morbide dissonanze dall’originale, modulando i toni.

La mostra di Spoleto raccoglie le migliori opere degli ultimi anni, tra cui la monumentale scultura dal titolo “Deposizione”, collocata nel cuore del Salone. A ciò si aggiunga una sezione di ricerca che presentiamo in anteprima: si tratta del ciclo ispirato al Tangram, il rompicapo cinese a forma quadrata che si scompone e ricompone tramite cinque triangoli, un rombo e un quadrato. L’artista, pur mantenendone i colori primari e la sua filosofia geometrica, ha prima spostato la misura dal piccolo al grande, poi creato una versione a nove pezzi con lati arrotondati, così da realizzare forme organiche in modo più
fluido. Il risultato sorprende e spiazza, oltre a confermare le ispirazioni metamorfiche dell’autrice. Perché anche il Tangram, spunto e radice iconica, implica una rigenerazione linguistica che diviene incipit teorico, dando forma a qualcosa di originale, intelligente, inaspettato.

Grande spazio verrà dato alle opere che s’ispirano ad una statuaria classica, selezionata tra le collezioni del Museo Nazionale Romano e del British Museum. Qui il busto d’origine, raffreddato nelle cromie, si trasforma nel ritratto di un’umanità oltre il tempo storico, quasi a riattivare l’implicito metafisico di August Sander o Robert Mapplethorpe, isolando il marmo su fondali monocromi che rigenerano gli archetipi. Gianluca Marziani: MUTAFORMA è parola secca e aderente, un abito di vento che veste a perfezione la filosofia dietro il progetto. Qui si parla di metamorfosi, ritrovando Proteo e il mondo di Ovidio, ascoltando echi sciamanici o versi animaleschi di animali esotici, scoprendo corpi denudati con epidermidi luminose… poi capisci che la metamorfosi ha ormai varcato miti e leggende, non appartiene solo alla cifra letteraria ma vibra lungo la Scienza, carezza il progresso tecnologico, dialoga con i materiali dell’innovazione. Esiste qualcosa di slittante nel lavoro di Camilla Ancilotto, un percorso di confini aperti, una dimensione magica che accosta metafora e senso. Non esisteva parola migliore di Mutaforma per raccontare la metamorfosi della metamorfosi…”


Info e prenotazioni:
info@palazzocollicola.it
Autore: Sistema Museo
Data di pubblicazione: 22 giugno 2017
 
La mostra è inserita nel programma ufficiale del FESTIVAL DEI DUE MONDI

servizi educativi in città
icona
MONTELUCO E IL BOSCO SACRO
Bosco Sacro di Monteluco, Spoleto
icona
GIOCHIAMO CON VESPASIANO
Casa Romana, Spoleto
icona
I MOSAICI DI VESPASIA POLLA
Casa Romana, Spoleto
icona
SPOLETO MEDIEVALE
Centro storico, Spoleto
icona
UN GIORNO CON NOI! SPOLETO IN UN GIORNO
centro storico + attività a scelta, Spoleto
icona
SPOLETIUM... la nostra città in epoca romana
Centro storico + Casa Romana (facoltativo), Spoleto
icona
UN GIORNO CON NOI! ESPLORATORI D'ACQUE E DI STORIE - SPOLETO + TERNI
Centro storico + Cascata delle Marmore, Spoleto
icona
SAN PIETRO E SAN SALVATORE
Chiesa di San Pietro Extra Moenia - San Salvatore, Spoleto
icona
SPOLETO DA VILLAGGIO A CITTA'
Museo Archeologico + Teatro Romano, Spoleto
icona
SART...ATTACK!
Museo del Tessuto e del Costume, Spoleto
icona
TRAME E MERLETTI
Museo del Tessuto e del Costume, Spoleto
icona
(S)BALZO NEL TEMPO
Museo Nazionale del Ducato, Spoleto
icona
ARMI, LUNGHE BARBE E PREZIOSI GIOIELLI.....I LONGOBARDI
Museo Nazionale del Ducato, Spoleto
icona
METTITI IN GIOCO CON... I LONGOBARDI
Museo Nazionale del Ducato, Spoleto
icona
TRAME LONGOBARDE
Museo Nazionale del Ducato, Spoleto
icona
CACCIA SOCIAL al tesoro dei Longobardi
Museo Nazionale del Ducato + centro storico, Spoleto
icona
UN GIORNO CON NOI! MISSIONE LONGOBARDI
Museo Nazionale del Ducato + centro storico + Tempietto sul Clitunno, Spoleto
icona
C'ERA UNA VOLTA ALEXANDER CALDER
Palazzo Collicola Arti Visive - Museo Carandente, Spoleto
icona
COSTRUIAMO LA NOSTRA OPERA
Palazzo Collicola Arti Visive - Museo Carandente, Spoleto
icona
FORMA E COLORE
Palazzo Collicola arti visive - Museo Carandente, Spoleto
icona
GIOCHIAMO CON L'ARTE DI LEONCILLO
Palazzo Collicola arti visive - Museo Carandente, Spoleto
icona
IL CARTONE SI E' ANIMATO
Palazzo Collicola arti visive - Museo Carandente, Spoleto
icona
IL CIRCO DI CALDER, DAL VIDEO ALLA CREAZIONE
Palazzo Collicola arti visive - Museo Carandente, Spoleto
icona
IMPRONTE DI COLORE
Palazzo Collicola arti visive - Museo Carandente, Spoleto
icona
IN EQUILIBRIO TRA IL GIOCO E L'ARTE DI CALDER
Palazzo Collicola Arti Visive - Museo Carandente, Spoleto
icona
INCIDO....IL MIO LIBRO D'ARTISTA
Palazzo Collicola arti visive - Museo Carandente, Spoleto
icona
INVITO A PALAZZO
Palazzo Collicola Arti Visive - Museo Carandente, Spoleto
icona
L'OFFICINA DEL COLORE. IL ROSSO, IL GIALLO, IL BLU
Palazzo Collicola Arti Visive - Museo Carandente, Spoleto
icona
LE CARTE COLORATE FORMANO UN COLLAGE
Palazzo Collicola Arti Visive - Museo Carandente, Spoleto
icona
RI-TRATTO: come ti vedo? come mi vedi?
Palazzo Collicola arti visive - Museo Carandente, Spoleto
icona
SPOLETO 1962
Palazzo Collicola arti visive - Museo Carandente, Spoleto
icona
I GRANDI MAESTRI NELLE OPERE E NEI TESTI: Leoncillo Leonardi e Sol Lewitt tra Museo e Biblioteca
Palazzo Collicola arti visive - Museo Carandente e Biblioteca, Spoleto
icona
MEDIOEVO A FUMETTI
Rocca Albornoziana, Spoleto
icona
RACCONTI FANTASTICI DI DAME E CAVALIERI
Rocca Albornoziana, Spoleto
icona
ESPLORATORI A SPOLETO
TEATRO ROMANO (da fuori), CASA ROMANA, FORO CITTADINO, DUOMO, PONTE DELLE TORRI, Spoleto
icona
SPOLETO IN SCENA
Teatro Romano + Teatro Caio Melisso, Spoleto
cerca mostre
città
categoria
[X]
data
parola chiave
avvia ricerca
cerca
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
Museo Civico di San Francesco
approfondimenti
GROTTAGLIE visita speciale per ipovedenti
"Un museo a misura di bambino" NARNI Palazzo Eroli
video
GERMANICO RACCONTA /Amelia (Tr)
VIDEO Benozzo Gozzoli e Montefalco
GERMANICO RACCONTA /Amelia (Tr)