sistema museo
megafono
immagine
ANTEPRIMA 'MATRIX. Oltre la realtà-Beyond reality'
Amelia (TR), Museo Civico Archeologico e Pinacoteca “Edilberto Rosa”
5 agosto-18 novembre 2017
ANTEPRIMA 'MATRIX. Oltre la realtà-Beyond reality'
mostra personale di Luciano Ventrone
Inaugurazione: sabato 5 agosto ore 21.00
A cura di: Cesare Biasini Selvaggi
Categoria: Arte contemporanea
Orari di apertura:
giugno-settembre, da giovedì a lunedì, prefestivi e festivi 10.00-13.00 / 16.00-18.30
gennaio-marzo/ottobre-dicembre sabato, domenica e festivi 10.00-13.00 / 15.00-17.00
aperture straordinarie su prenotazione
Il Museo Civico Archeologico e Pinacoteca “Edilberto Rosa” di Amelia (TR),negli splendidi locali dell’ex Collegio Boccarini, in origine un convento francescano del XIII-XIV secolo, ospita dal 5 agosto la mostra personale di Luciano Ventrone, “MATRIX. Oltre la realtà-Beyond reality” con l’intento di farne conoscere la produzione più recente attraverso una selezione di dipinti, in un inedito confronto con la collezione archeologica del Museo. Alcuni dei reperti conservati al suo interno, infatti, in particolare i pregevoli capitelli dell’antica Ameria (il nome di Amelia in epoca romana), sono stati di ispirazione per l’artista, dagli inizi degli anni Ottanta, per la realizzazione di alcune delle sue famose nature morte. Lo scopo della mostra è, pertanto, quello di far dialogare la ricerca contemporanea in pittura con l’archeologia, offrendo anche al pubblico una chiave di lettura diversa della rinomata collezione museale.

La mostra, promossa dalla Città di Amelia, dall’Assessorato alla Cultura, è organizzata dall’Associazione Archivi Ventrone in collaborazione con Sistema Museo. L’esposizione, a cura di Cesare Biasini Selvaggi, sarà inaugurata sabato 5 agosto alle ore 21.00.

Luciano Ventrone nasce a Roma nel 1942. Nel 1983 un articolo scritto da Antonello Trombadori su “L’Europeo” induce lo storico dell’arte Federico Zeri a interessarsi dell’artista suggerendogli di affrontare il tema delle nature morte. È qui che inizia la lunga e ancora non completa ricerca sui vari aspetti della natura, catturando particolari sempre più dettagliati e quasi invisibili a “occhi bombardati da milioni di immagini”, quali sono quelli degli uomini della nostra epoca.

Il progetto espositivo sarà scandito in due tappe. Il 5 agosto s’inaugurerà la prima fase, un’anteprima ospitata al piano terra del Museo, nelle sale dedicate alle mostre temporanee. Questa anteprima comprende una selezione di 7 dipinti recenti dell’artista, oltre a 2 opere degli inizi anni Novanta, nelle quali campeggia in primo piano la raffigurazione di alcuni reperti archeologici dell’antica Ameria.

Nel prossimo autunno prenderà, invece, il via la seconda fase del progetto espositivo, con la sua estensione a un’antologica di dipinti di Ventrone (circa trenta) che saranno distribuiti nelle sale espositive ai piani superiori, in dialogo e in confronto diretto con l’ampia collezione museale. Il titolo della mostra deriva dal termine latino “matrix” (“generatrice/matrice”). In questo caso, la matrice rappresenta una sorta di realtà simulata dagli atomi che organizzano ogni cosa intorno a noi, nel mondo fisico o in natura. I soggetti rappresentati da Ventrone, come le sue proverbiali nature morte, non vanno mai visti pertanto come tali, ma astrattamente, nella traduzione pittorica della loro struttura atomico-molecolare. Per la loro comprensione è richiesta prima un’osservazione ravvicinata, quasi da microscopio, per poi allontanarsi dai dipinti. Prendendone le distanze. Ed ecco che luce e colore assumono unità in una forma armonica e omogenea, all’improvviso riconoscibile e familiare per lo spettatore. Che lascia la mostra con un interrogativo in più: “Chi mi assicura, a questo punto, che ciò che vedo esista, oltre che nella mia testa come idea, anche nella realtà?”.
È questa ricerca di Ventrone “dell’inganno della realtà” che ha destato, nei decenni, l’attenzione, tra gli altri, di Federico Zeri, Sergio Zavoli, Duccio Trombadori, Marco Di Capua, Vittorio Sgarbi, Achille Bonito Oliva, Roberto Tassi, Giorgio Soavi, Edward Lucie-Smith, Evgenia Petrova, Angelo Crespi, Beatrice Buscaroli.


Info e prenotazioni:
infoline 348.9726993
email info@associazionearchiviventrone.com
Autore: Luciano Ventrone
Data di pubblicazione: 03 agosto 2017
servizi educativi in città
icona
CARTOON MAKER: LA LEGGENDA DELLA FONDAZIONE DI AMERIA
Museo Archeologico e Pinacoteca, Amelia
icona
GERMANICO A TUTTO TONDO. Visita guidata multimediale
Museo Archeologico e Pinacoteca, Amelia
icona
GLI UMBRI: IL POPOLO DEI FIUMI
Museo Archeologico e Pinacoteca, Amelia
cerca mostre
città
categoria
[X]
data
parola chiave
avvia ricerca
cerca
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
Musei civici Pesaro - Palazzo Mosca
approfondimenti
GALATA MUSEO DEL MARE Bookshop Bussola delle Idee
GROTTAGLIE visita speciale per ipovedenti
Nuovo percorso Museo CALVI DELL'UMBRIA (Tr)
"Un museo a misura di bambino" NARNI Palazzo Eroli
GALATA MUSEO DEL MARE Bookshop Bussola delle Idee
video
GERMANICO RACCONTA /Amelia (Tr)
VIDEO Benozzo Gozzoli e Montefalco
GERMANICO RACCONTA /Amelia (Tr)
Fotogallery
NIGHT LINE MUSEM / FOTOGALLERY
MUSEI IN FORMA / Circuito Terre & Musei dell'Umbria
NIGHT LINE MUSEM / FOTOGALLERY